Luglio: tempo di raccolti

1 Lug 2022Prodotti

Luglio

Il mese di luglio prende il nome da una delle figure più note, importanti e influenti della storia che nacque proprio in questo mese: Giulio Cesare.

“In Luglio è ricca la terra, ma povero il mare”.

È da sempre considerato il mese di massima fioritura e di abbondante raccolta dei frutti della terra e per questo motivo venne consacrato a Giove, padre di tutti gli dei.

Pesche Saturno

La pesca Saturno (o tabacchiera) prende il nome dalla sua forma schiacciata ai lati che ricorda, appunto, una tabacchiera o l’omonimo pianeta ed i suoi anelli.

Questo frutto è originario della Cina, si diffuse nell’800 negli Stati Uniti e solo nel secolo successivo in Europa.

In Italia la sua coltivazione iniziò in Sicilia con la riforma agraria del 1950, quando le colture perenni sostituirono quelle annuali.
È una tipologia di pesca rara, diffusa soprattutto nelle valli del Simeto e dell’Alcantara alle pendici dell’Etna e tutelata come Presidio Slow Food.

È una pesca di taglia medio piccola, con la polpa bianca dolcissima e morbida, un nocciolo molto piccolo ed un profumo intenso ed inconfondibile.

Per gustarla al meglio è preferibile consumarla fresca, ma viene usata con successo anche per granite e gelati.

 

Anguria

L’anguria (o più correttamente cocomero), anche se viene comunemente considerata un frutto, tecnicamente è un peponide, una bacca tipica delle cucurbitacee caratterizzata da una dura scorza esterna ed una polpa morbida.

Originaria dell’Africa, veniva raccolta acerba perché ne venivano consumati solo i semi. Il termine anguria deriva, infatti, da “angouri” che significa “frutto immaturo“.
Gli Egizi scoprirono la bontà della sua polpa e iniziarono a consumarla matura apprezzandone dolcezza e proprietà dissetanti.

Il principale produttore di anguria è la Cina dove è stato addirittura fondato nel 2002 il Museo del Cocomero, una delle principali attrazioni turistiche di Pechino.
In Cina mangiano anche le scorze! Saltate in padella sono considerate un ottimo snack.

Costituita per il 92% da acqua, è perfetta per mantenere idratato l’organismo nei mesi estivi.
È anche ricca di vitamina B6, ideale per stimolare l’attività cerebrale, e di licopene (ben il 40% in più rispetto ai pomodori!), un potente antiossidante che aiuta a combattere l’invecchiamento.

 

Melanzane viola

Il termine melanzana deriverebbe da “mela non sana” in quanto tossica se consumata cruda a causa della presenza della solanina.
Per questo, prima di essere cucinata, è usanza procedere con la salatura. Oltre a far spurgare l’acqua per renderla più morbida, diminuisce la quantità di solanina contenuta.

La melanzana tonda viola ha una polpa tenera, perfetta per essere grigliata.
Essendo anche spugnosa, non è invece indicata per le fritture, in quanto assorbirebbe troppo olio.

Le melanzane viola sono ricche di vitamine, minerali, fibre e antiossidanti.
Nello specifico, è l’antociano presente nella buccia ad avere proprietà antiossidanti.

Questa stessa molecola è anche responsabile del colore della melanzana.
Di fatto è la sua melanina ed il colore viola è una forma di difesa contro i raggi solari UV.
Potremmo dire che la melanzana è molto abbronzata!

 

Pomodoro San Marzano

Il pomodoro San Marzano è conosciuto in tutto il mondo come il “Re dei pomodori”.

È stato il primo pomodoro ad essere utilizzato per i pelati in scatola grazie all’intuizione di Francesco Cirio che comprese le sue peculiarità perfette per la preparazione dei sughi.
In questa specifica veste, ha ottenuto nel 1996 il riconoscimento DOP (Pelato o il Filetto di Pomodoro S. Marzano dell’Agro Sarnese-Nocerino DOP).

Il pomodoro San Marzano deriva da una ibridazione spontanea tra antiche varietà locali (Fiaschella e Fiascone) o da mutazione spontanea della varietà Lampadina.
Successivamente, gli agricoltori hanno poi perfezionato la selezione.

La sua forma allungata è all’origine del nome “peretta” con cui viene spesso identificato.

Grazie alla sua polpa compatta e carnosa, poco acquosa e con pochi semi è ottimo per la produzione di passate e concentrato di pomodoro, ma è anche delizioso fresco in insalata.