La magia delle zucche ornamentali

7 Ott 2021Prodotti

Forse possiamo sembrarvi un po’ fanatici, noi di POM, ma se consideraste come noi la frutta e la verdura, anche voi percepireste non solo qualcosa di commestibile, gustoso e salutare, ma anche un’opera incessante della infinita creatività della natura. 

Ecco, possiamo dire che il nostro stupore, quello proprio dei bambini, aumenti di fronte alle zucche cosiddette ornamentali, anche se alcune di loro sono anche commestibili, ma andiamo con ordine.

Intanto la zucca ornamentale ha un nome regolamentare: Lagenaria.

Solo negli ultimi tempi è diventato un ornamento della tavola o di un angolo della casa perché l’uomo si è sempre sbizzarrito a darle mille funzioni:

  • strumento musicale (effetto maracas grazie ai semini che si trovano all’interno)
  • vasellame da cucina, dal piatto grande, diciamo di portata, alla scodella, ma anche contenitore di oggetti,
  • unità di misura per calcolare granaglie o farine
  • elementi di un abbigliamento spesso rituale, come maschere e cappelli

Tutto ciò quando le materie plastiche non erano ancora state inventate o erano accessibili a pochi. 

la-magia-delle-zucche-ornamentali

Non una, ma tante zucche!

I loro nomi sono quasi tutti idiomi anglosassoni, dalle bellissime assonanze, come Sweet Dumpling, Baby Boo, Jack be little (che sono anche commestibili).

Che dire poi di Crown of Thorns (artigli del diavolo) o della super fiabesca Zucca Turbante che sembra si sia messa un fungo in testa! 

Lunghe, schiacciate, perfettamente tonde, a forma di pera, rugose, lisce, a coste, arancioni, beige, verdi, rosse hanno tutte lo stesso nome tecnico: Cucurbita maxima e scegliere le preferite… diventa un’operazione difficilissima. 

La cosa migliore è essere generosi e comporre un ricco centrotavola che vi farà compagnia fino a Natale!

Ma se invece volete festeggiare Halloween preparatevi a intagliarle quando sono ancora fresche, anche se noi vi consigliamo per Halloween una zucca tradizionale, di cui poi cucinerete, magari al forno con aromi, l’interno scavato.

Se invece avete appena comprato (da noi!) le piccole zucche fresche e volete conservarle a lungo disponetele, senza che si tocchino tra loro, in un luogo caldo e secco, sarebbero perfette le antiche soffitte.

Non ammassatele perché potrebbero marcire nella parte schiacciata.

Capirete quando si sono finalmente essiccate perché, agitandole, suoneranno come piccole maracas

A quel punto sono pronte per la vostra composizione!