POM NATURA SRL

ALBICOCCHE DISIDRATATE SFUSE


  • Descrizione
  • Valori Nutrizionali

Poco caloriche, antiossidanti e antitumorali.

PER 100 GR DI PRODOTTI 

Valore energetico 48 kcal 

Proteine 1.4 g

Carboidrati 11.12 g

-zuccheri 9.24 g

Grassi 0.39 g

-saturi 0.027 g

-monoinsaturi 0.17 g

-polisanturi 0.077 g

-colesterolo 0 mg 

Fibra alimentari 2 g

Sodio 1 mg

Alcol 0 g

9,50 € / KG

  • Informazioni aggiuntive
  • FOCACCIA DOLCE ALLE PESCHE E ALBICOCCHE 

    Per realizzare la focaccia dolce alle albicocche, ponete in una brocca l’acqua, versate il sale, il miele e l’olio di oliva extravergine. Nella tazza di una planetaria munita di foglia setacciate la farina (potete utilizzare la farina Manitoba o la farina 0) e aggiungete il lievito di birra disidratato. Azionate la macchina e aggiungete i liquidi quando gli ingredienti saranno amalgamati, togliete la foglia e montate il gancio, poi fate impastare per circa 10-15 minuti. Estraete la pasta dalla tazza della planetaria, avrà una consistenza piuttosto morbida, oleate il piano di lavoro, trasferite l’impasto sul tavolo date una forma sferica all'impasto e poi adagiatelo in una ciotola coperto con pellicola e lasciate lievitare per circa 2 ore nel forno spento con luce accesa. Nel frattempo lavate la frutta, tagliate le albicocche a fette spesse 1,5 cm eliminando il nocciolo fate lo stesso con le pesche. Ungete con l’olio una teglia delle dimensioni di cm 40 x 30 cm quando la pasta sarà lievitata, stendetela nella teglia pressandola leggermente con le mani. Formate dei buchi con i polpastrelli sulla superficie dell’impasto cospargete la focaccia con l'olio e lo zucchero semolato. Distribuite sulla superficie le fettine di frutta e poi lasciate lievitare per mezz’ora coprendo con pellicola, al termine della lievitazione ed infornate in forno statico preriscaldato a 190° per circa 20 minuti (o in forno ventilato a 170° per 10-15 minuti) fino a quando la focaccia non risulterà dorata. A cottura ultimata, sfornate la focaccia dolce alle albicocche e lasciatela raffreddare prima di servirla.

    (Giallo Zafferano)